Best in Sicily 2016: la “narrazione” di ospiti e vincitori!

8 febbraio 2016
Oscar Farinetti

Si è svolto nella bella cornice dello Spazio NORMA, all’aeroporto Vincenzo Bellini di Catania, con una visuale sull’Etna imbiancato ricca di suggestione e di tanti prodotti tipici siciliani esposti sugli scaffali, la nona edizione del Best in Sicily il premio targato Cronachedigusto.it e rivolto alle eccellenze dell’enogastronomia e dell’accoglienza dell’isola.

L’attenzione sul premio è cresciuta di anno in anno ed è diventata ormai di interesse nazionale e internazionale, come dimostrato dai tanti giornalisti presenti alla cerimonia di premiazione che, per questa edizione, ha visto tra gli ospiti Oscar Farinetti, patron di Eataly che ha tenuto in silenzio l’intera platea mentre spiegava l’importanaza dello storytelling e faceva le sue considerazioni sulla Sicilia e sulle bellezze dell’Italia intera: “Narrate le vostre meraviglie, ogni giorno e senza sosta” – ha detto Farinetti rivolgendosi ai produttori e ai giornalisti in sala – “L’Italia possiede il 70 per cento del patrimonio artistico del mondo, 50 siti Unesco ed è una miniera di biodiversità. Se pensiamo che su 1.200 tipi di mele del mondo, mille si trovano da noi, abbiamo più o meno l’idea complessiva di quello che è davvero la nostra Italia. Siamo i migliori del mondo a narrare i divieti – prosegue – ma non le nostre eccellenze e non mi riferisco solo al settore dell’agroalimentare”. Secondo il patron di Eataly dovremmo imparare a copiare dai più bravi, da quelli che sono riusciti meglio di noi a fare le cose: Io ho sempre copiato dagli altri. Non c’è vergogna a farlo, perché implica pensare che ci sono persone con più talento di noi e questo ci fa creare dei dubbi, ma ci permette di realizzare più in fretta i progetti”. E ha concluso: “entro dieci anni la Sicilia diventerà la regione più potente d’Europa”.

Fabrizio CARRERA

Ad aprire ufficialmente la cerimonia, il direttore della testata online, Fabrizio Carrera che rivolgendosi ai premiati ha detto: “abbiate la consapevolezza di essere i migliori, ma piantate questo seme dell’eccellenza e fate fiorire gli altri. Siate contagiosi. Portate questo senso di responsabilità nel territorio. E non dimenticate le tre “O”: orgoglio, onestà e ottimismo”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alla cerimonia erano presenti anche il sindaco di Catania Enzo BiancoMichela Giuffrida, componente della commissione agricoltura al Parlamento Europeo e Ciccio Sultano chef stellato, patron del ristorante Duomo di Ragusa Ibla e neo presidente dell’associazione Le Soste di Ulisse, che raggruppa il meglio dei ristoranti e degli hotel siciliani.

Ciccio Sultano

Anche Roy Paci era tra il pubblico, sapeva di essere il nuovo ambasciatore del gusto e della Sicilia nel mondo e che sarebbe premiato come tale al Best in Sicily 2016, ma per il resto della platea è stata una sorpresa e quando è stato fatto il suo nome e ha preso il microfono, ha parla della sua terra, la Sicilia, che non rinnega mai e che porta sempre nel cuore “narrandolo” in giro. Felice del riconoscimento e orgoglioso di essere siciliano “nel mondo” alla fine della cerimonia, si è intrattenuto a lungo con la platea, ha fatto foto con tutti, ha scambiato due chiacchiere ed ha assaggiato le bontà dei produttori premiati durante il Best in Sicily.

In conclusione una bellissima manifestazione che ha visto i seguenti vincitori:

Miglior produttore di vino: Vito Catania – Chiaramonte Gulfi (Ragusa)

Miglior Ristorante: Cuvée du Jour – Grand Hotel Villa Igiea (Palermo)

Migliore Pizzeria: In un Angolo di Mondo – Acireale (Catania)

Migliore Albergo: Baglio Sorìa (Trapani)

Migliore Pasticceria: Dolcecasalato – Modica (Ragusa)

Miglior Produttore di Olio: Carlino – Valparadiso Naro (Agrigento)

Miglior Comune per l’Offerta Enogastronomica sul Territorio: San Vito Lo Capo (Trapani)

Miglior Macellaio: Tino Pintaudi, Macelleria Ti.Pi.Ca. – Brolo (Messina)

Migliore Trattoria: Locanda del Colonnello – Modica (Ragusa)

Miglior Produttore di Formaggio: Fioriglio – Mistretta (Messina)

Migliore Bar-Pasticceria: Condorelli – Belpasso (Catania)

Migliore Fornaio: Tommaso Cannata (Messina)

Migliore Azienda Conserviera: Nutri Mare – Trappeto (Palermo)

Questo slideshow richiede JavaScript.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply