Cavoletti di bruxelles con noci e melagrana

3 febbraio 2016
cavoletti front

Questo post partecipa al “Calendario del Cibo Italiano 2016 – AIFB” e piu’ esattamente alla Settimana del cavolodi cui è ambasciatrice la mia amica Tamara del blog Un pezzo della mia maremma

Nel Calendario del cibo italiano dell’Aifb si celebrano i 366 giorni dell’anno (questo 2016 è bisestile) ciascuno destinato ad un cibo o pietanza diversa, in una Giornata Nazionale espressamente dedicatagli. In tutto l’anno sono previste anche 52 settimane, ciascuna delle quali si preoccupa di approfondire un tema scelto fra quelli che hanno maggiormente influito sulla storia della gastronomia italiana. Oggi inizia la settimana dedicata al Cavolo ed io contribuisco con questa ricetta che ho trovato su un libro, molto bello, regalatomi da amici al compleanno. Tutti sanno ormai della passione che ho per la cucina e un po’ meno per le verdure, motivo per cui la scelta è ricaduta su “Vegetariana“, dalle cucine di Martha Stewart, libro bellissimo con oltre 200 ricette vegetariane, vegane e gluten free per diete speciali e con tante idee da rivisitare.

Vegetariana

Questo è ciò che ho fatto a proposito dei cavoletti di bruxelles ho letto la ricetta del libro e l’ho un po’ rivisitata, apportando qualche modifica. I cavoletti o cavolini di bruxelles fanno parte anche loro della famiglia dei cavoli e sono in realtà dei germogli di una varietà della famiglia dei cavoli. Di forma circolare, crescono alla base delle foglie principali e sono costituiti da foglioline di cui ce n’è una che copre un’altra o due sottostanti, come i carciofi. Per crescere necessitano di un clima freddo, tipico del nord Europa, ma sono coltivati in Italia con successo da tantissimi anni. Si chiamano cavolini o cavoletti di Bruxelles, infatti, però con il Belgio pare che non abbiano molto a che fare. Secondo la tradizione sembra che siano originari proprio dell’Italia e che siano stati poi importati in Belgio dai legionari romani. Oltre i tre quarti della produzione mondiale di questi cavoli in miniatura avviene attualmente in Inghilterra e buona parte della restante produzione è divisa tra Francia e Olanda. La popolazione belga non è neanche una grande consumatrice di questi ortaggi, che sono molto più apprezzati invece da scozzesi e olandesi. I cavoletti hanno una struttura simile al cavolo vero e proprio, ma in miniatura. Per ottenere cavolini di Bruxelles uniformi, la punta del gambo viene tagliata appena questi cominciano a svilupparsi. Sono ricchi di antiossidanti, sono utili per occhi, cervello, ossa e prostata. Questi cavoli in miniatura sono considerati dei veri e propri stimolanti dell’attività cerebrale e della concentrazione e pare che questa proprietà derivi dalla combinazione tra tiamina e acido folico, di cui sono piuttosto ricchi. Sono una miniera di antiossidanti e sono molto utili per il metabolismo ormonale femminile. Anticamente, l’acqua di cottura dei cavoletti di Bruxelles era usata come rimedio per smaltire le sbornie, oggi invece sono cucinati in tantissimi e ottimi modi. Questa ricetta che vi propongo, cavoletti di bruxelles con noci e melagrana, rispetto all’originale di Martha Stewart varia per la melagrana che ho aggiunto io e il rosmarino al posto del timo. Vediamo come si prepara.

cavoletti tot

Ingredienti per 4 porzioni:

Cavoletti di Bruxelles 400 g 
Uva rossa o nera 400 g
Melagrana  i chicchi di una metà 
Aceto balsamico
 2 cucchiai
Rosmarino 1 rametto
Sale e pepe 
q.b.
Olio EVO 2 cucchiai
Noci
8-10 tritate grossolanamente

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 230°, dividere a metà o in quattro i cavoletti di bruxelles, se molto grandi, e distribuirli in una o due teglie, l’importante è che siano larghi e non ammassati. Condire con olio evo, sale e pepe e aggiungere il rosmarino. Infornare per 10 minuti circa. Aggiungere l’aceto balsamico e infornare di nuovo altri 10 minuti o finchè il tutto non risulterà tenero, ma abbrustolito. Mescolare di tanto in tanto con un cucchiaio di legno e raschiare dal fondo della teglia i grumi che si sono caramellati durante la cottura. Togliere dal forno, aggiustare di sale e pepe, qualora fosse necessario, e aggiungere le noci tagliate grossolanamente e i chicchi di melagrana. Mescolare e servire. Ottimo come contorno, ma anche come secondo, il sapore tipico del cavoletto si abbina perfettamente a quello dolce e fresco della melagrana e croccante delle noci.

cavoletti 3

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply