Confettura di gelsi neri

4 luglio 2016
Gelsi

Continuo con le confetture perchè questo è il periodo in cui si raccoglie la frutta più buona e gustosa ed è un peccato non conservarne il sapore il più a lungo possibile. I gelsi neri hanno un gusto davvero particolare, sono buonissimi e nel giardino di casa dei miei genitori ce n’è una pianta che ne produce tanti. Sin da piccola, infatti, passavo le ore a raccoglierli e “risucchiarne” la polpa sporcandomi le mani di nero, ma soprattutto il pollice e l’indice, le due dita con cui tenevo i frutti. Qualche settimana fa quando sono andata a casa a trovare la mia famiglia, molti gelsi erano già caduti a terra, sono tornata indietro nel tempo con la memoria e mi è sembrato davvero un sacrilegio non raccoglierli, ma più di qualche giorno in frigorifero non durano ed è stato lì che ho deciso di farne confettura. Rispetto ad altra frutta è meno complicato prepararla, non si deve sbucciare nulla o togliere il nocciolo e neanche fare a pezzetti, ma è necessario tagliare il picciolo il più possibile per non ritrovarselo tra i denti o spalmato sul pane, quindi è bene munirsi di forbici piccole, un paio di guanti e tanta tanta pazienza.Gelsi vert

 

Ingredienti per 1 barattolo da 200 ml circa:

gelsi neri 500 g
Limone 1/2
Zucchero 
250 g

 

 

Procedimento:

Lavare delicatamente i gelsi, dopo averli tamponati leggermente con la carta assorbente per asciugarli, munirsi di guanti e tagliare il picciolo a filo con il frutto. Mettere tutti i gelsi in una ciotola con lo zucchero, coprire con un panno pulito e lasciar macerare tutta la notte. L’indomani versare la frutta e tutto il liquido in una pentola dal fondo alto e aggiungere il succo di mezzo limone. Lasciar cuocere a fuoco moderato per circa un’ora girando con un cucchiaio di legno di tanto in tanto.

Nel frattempo che la confettura cuoce si potranno sanificare i barattoli, io ho usato quelli della Weck, immergendoli in una pentola di acqua bollente per 15/20 minuti.

La confettura sarà pronta quando, versandone una goccia su un piatto e inclinandolo, questa non colerà ma resterà compatta e omogenea. A questo punto versare la confettura all’interno dei barattoli e chiuderli con la guarnizione, il tappo di vetro e i gancetti di metallo. Capovolgere i vasetti e lasciarli raffreddare. La confettura si conserva per qualche mese, ma una volta aperta è importante tenerla in frigo e consumarla entro pochi giorni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply