Gli shortbread anglosassoni

4 maggio 2014
shortbread

Avete mai visto “Bakeoff Italia”? Il programma dedicato alla pasticceria e ai pasticcieri amatoriali? Io lo scorso anno ho partecipato alle selezioni, ma non sono arrivata tra i primi dieci che sono andati in trasmissione e in autunno, quando poi è andato in onda il programma, non sono mai riuscita a vedere neanche una puntata. In compenso però ne ho viste tante di “Bakeoff U.K”, cioè del format inglese. In una di queste i concorrenti hanno dovuto realizzare gli shortbread, i tipici biscotti inglesi simil pastafrolla. Ma la cosa più interessante della puntata, oltre all’essermi appuntata la ricetta originale che ora vi propongo, è stata la storia che uno dei giudici ha raccontato a proposito di questi dolcetti che pare risalgano addirittura alla fine del ‘700. Gli shortbread sono infatti un tipo di biscotto d’origine scozzese  non lievitato (cookie), che viene tradizionalmente preparato con una parte di  zucchero bianco, due parti di burro e tre parti di farina d’avena. Oggi al posto della farina d’avena si usa abitualmente quella 00, anche se qualche volta, per variarne consistenza e friabilità si ricorre a percentuali di altre farine, in particolare di riso e mais. Fu solo in epoca Tudor che l’ emergente classe media, cominciò a usare liberamente il burro per la preparazione di torte e biscotti, mentre fino ad allora era stata maggiormente utilizzata la panna. Ed è così che è nato lo shortbread : inizialmente considerato un lusso e riservato alle feste come Natale e Capodanno, preparato in forme rotonde e grandi che simboleggiavano il sole, in particolare era riservato ad un’occasione veramente speciale: il matrimonio. Una torta di shortbread decorata, infatti, veniva rotta sulla testa della giovane sposa, che stava per entrare nella sua casa, per augurarle prosperità. Altre curiosità legate a questi dolcetti sono che inizialmente erano stati classificati come pane dai fornai per evitare di pagare l’imposta locale sui biscotti, forse anche da questo presero il nome e poi che il 6 gennaio di ogni anno, in Scozia, si festeggia la giornata nazionale degli Shortbread. Ma ora passiamo alla tanto attesa ricetta originale!

Ingredienti per 20 biscotti:

Farina 150 gr
Burro 100 gr
Zucchero 50 gr

Preparazione:

Mescolare burro e zucchero in una ciotola e gradualmente aggiungere la farina. Formare una palla e mettere in frigo per 30 minuti circa. Togliere dal frigo e su una spianatoia stendere l’impasto a formare un rettangolo alto circa 1/2 cm. Tagliare a listarelle di circa 1.5 cm per 10 cm di lunghezza e infornare su una placca ricoperta di carta forno a 160° per 10-15 minuti. Sfornare a lasciare raffreddare. Sono perfetti per il tè delle cinque.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply