Pizza Margherita

6 febbraio 2013
pizza margherita

Ho da poco iniziato il mio rapporto con il moderno “tamagotchi”: la pasta madre o lievito madre. In realtà quest’ultima è proprio un “essere vivente”, ha bisogno di essere seguita, di essere accudita, di amore, passione e affetto. E’ un impasto morbido e ruvido allo stesso tempo, perché si secca in superficie e deve essere “rinfrescato” per tornare a lievitare, inoltre ricorda il passato, ma in sè contiene il futuro…insomma è come un figlioletto da assistere, ha bisogno di calore umano, di sentire le mani di chi se ne prende cura e di rinvigorire, cioè di essere nutrito, almeno una volta a settimana. Ritornando a me, io la mia pasta madre l’ho rinfrescata due giorni dopo averla “adottata” e su suggerimento e insistenza di mia figlia, che voleva tanto la pizza, ho deciso di moltiplicarla e realizzare la mia prima pizza! Ci sono volute quasi 36 ore di lievitazione, la ricetta della mamma, diverse manipolazioni e tanta attenzione per la scelta degli ingredienti, per ottenere un risultato che è a dir poco strabiliante: una pizza ottima! La pizza margherita fatta con il lievito madre è completamente diversa da quella che siamo abituati a mangiare e che contiene il lievito di birra: è più soffice, ma resta comunque croccante, i bordi sono alti, ma non duri, è più digeribile e la consistenza e il sapore sono naturali, non hanno alcun retrogusto chimico. Una rivelazione! Non sembra possibile eppure basta così poco. In fondo la pasta madre se ne sta lì, in un angolo della cucina, se si usa giornalmente, o in frigo se la si usa anche solo una volta a settimana, ma quando entra in forno…non ha rivali!

pizza margherita fetta

Ingredienti:

Farina 00 700 gr
Lievito madre 300 gr
Acqua tiepida 300 ml
Sale 2 cuchiaini
Olio EVO 2 cucchiai + un po’ per ungere la teglia

Preparazione:

Disporre, sulla spianatoia, la farina a fontana con i due cucchiaini di sale. A parte, pesare la pasta madre, spezzettarla e metterla al centro della fontana. Impastare pian piano con l’acqua tiepida. Regolarsi sulla quantità dell’acqua in base a quanta ne assorbe l’impasto.
Aggiungere, quindi, due cucchiai d’olio e continuare ad impastare sino ad ottenere un bel panetto morbido. Mettere il panetto in una ciotola coperta dalla pellicola trasparente e lasciarlo lievitare per circa 6/8 ore. Quando è lievitato e la pasta è diventata più del doppio, stenderla nella teglia precedentemente unta con un po’ di olio e condire con passata di pomodoro, mozzarella, sale olio e basilico. Mettere al centro del forno, già caldo a 200°, per 15-20 minuti controllando di tanto in tanto la cottura.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply