Zuppa di zucca

9 febbraio 2013
zuppa di zucca

In questi giorni di freddo e neve in tutta Italia nell’intento di rifugiarmi in un barlume di sole e calore, sono andata alla ricerca dei ricordi delle vacanze estive degli anni passati. Ho cercato tra le foto dei viaggi in barca, con gli amici più cari, e tra quelle delle vacanze al mare in Calabria, Puglia, Sardegna e Sicilia. Poi, andando ancora indietro nel tempo, mi sono capitate sotto mano le fotografie delle rilassanti spiagge bianche dei Carabi che a metà inverno mi sono apparse ancor più appetibili! E a proposito di appetito, mi è tornato in mente che proprio in uno di questi posti meravigliosi, durante una splendida vacanza in Venezuela, a Los Roques, la permanenza alla Posada “La cicala” era stata allietata, più di una volta, da cenette preparate divinamente da un giovanissimo cuoco, un ragazzo che tutte le sere si prendeva cura di noi preparando piatti deliziosi e invitanti. Le giornate di sole intenso le si passava sulle piccole isole intorno a Gran Roques, l’isola più grande e più popolosa, poi alle 17, la barca della Posada veniva a riprenderci tutti e ci riportava indietro, a “La cicala”, dove, dopo una doccia e un rilassante aperitivo in terrazza a godersi il tramonto, si scendeva nel salone comune per la cena. Mi è tornato in mente che una sera, come primo piatto, ci siamo visti arrivare una zuppa arancione, profumatissima e fumante che aveva un sapore meraviglioso: era una zuppa di zucca! Era dolce e corposa, saporita, gradevole e appetitosa. Non ho potuto resistere alla tentazione di mangiarne due piatti e poi di chiederne la ricetta, perché al ritorno a casa avrei assolutamente dovuto rifarla. Il cuoco è stato carinissimo, mi ha spiegato come si faceva, mi ha detto che lui aveva imparato a farla, a sua volta, quando lavorava sulle navi da crociera e che era uno dei piatti che deliziava maggiormente i suoi ospiti. Da allora la faccio spesso e poiché la zucca è un ortaggio più autunnale che invernale, io quando la compro, dopo averla pulita bene, la taglio a tocchetti e la surgelo in sacchetti da freezer. La zucca, che ho scoperto essere originaria dell’America Centrale (Messico), si presta a mille ricette: può essere cucinata al forno, al vapore, come ingrediente principale nel risotto o nelle minestre, fritta in pastella e nei dolci e poi si accosta magnificamente agli spinaci, ai formaggi, alla salsiccia, ai funghi e persino ai tartufi, oltre che come ripieno nei tortelli di pasta all’uovo. Insomma non c’è che da andare a comprarla, cucinarla e mangiarla!

Ingredienti:

Zucca 1 kg
Carote 2 o 3
Patate medie 2 o 3
Cipolle piccole 2 (o 1 grande) e 2 porri
Sale q.b.
Burro q.b.
Olio EVO q.b.

Preparazione:

Pulire le patate, la zucca, le carote e i porri, lavarli e tagliarli a cubetti. A parte versare nella pentola a pressione un po’ di olio e burro e la cipolla tagliata a rondelle e farla rosolare. Aggiungere le verdure e l’acqua a coprire il tutto e salare. Chiudere la pentola con il coperchio e far andare a fuoco medio per 40 minuti (25/30 dopo l’inizio del fischio del vapore). Controllare la cottura. Qualora avesse bisogno di qualche altro minuto, continuare a far bollire a fuoco medio senza coperchio. A cottura ultimata, frullare con un frullatore ad immersione. Aggiustare di sale e servire ben calda. Si può aggiugere un filo d’olio e grattugiare un buon formaggio stagionato tipo parmigiano o taleggio (che ha un sapore più deciso) e si può accompagnarla con crostini di pane, semplicemente tostati nel forno oppure fritti in un po’ di burro. Ovviamente se non si possiede una pentola a pressione, il tutto si fa in una casseruola tenendo conto che i tempi di cottura sono maggiori (1 ora o più).

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply